Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community

GIORNO DELLA MEMORIA 2022
Pietre. Il contributo del Dipartimento di Lingue e letterature straniere e culture moderne

Pubblicato: Giovedì 27 gennaio 2022
Immagine

In occasione del Giorno della Memoria 2022, il nostro Dipartimento rivolge lo sguardo alla sua città per radicare nel proprio territorio la memoria della Shoah, delle persecuzioni e delle deportazioni, perché esse sono partite anche dalle strade che percorriamo, in cui viviamo, in cui ci ritroviamo.
Ed è su queste nostre strade che da qualche anno è possibile imbattersi nelle tracce di alcune delle vittime della persecuzione nazista e fascista grazie all’azione svolta dal Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà, insieme alla Comunità Ebraica di Torino, al Goethe-Institut Turin e alla Sezione di Torino dell’Associazione Nazionale Ex Deportati (ANED), ai quali dobbiamo i materiali che raccontano il loro lavoro di costruzione minuziosa e puntuale della memoria collettiva.


Si tratta del progetto Pietre d’inciampo Torino, che dal gennaio 2015 ha introdotto nella nostra città il monumento dal basso Stolpersteine ideato negli anni ’90 dall’artista tedesco Gunter Demnig.
A Torino, come in molte altre città italiane ed europee, di anno in anno vengono messe in posa pietre in ricordo di coloro che furono deportati.
Ad oggi in Europa sono state deposte oltre 80mila pietre, in più di 1800 città, coinvolgendo 26 Paesi. 130 sono le Pietre d’inciampo di Torino.
E noi ci soffermiamo a guardarle e a trarne insegnamento, per poi allargare lo sguardo e vederle contornate e sostenute dalle altre steine, pierres, kamienie, dagli altri inciampi disseminati per l’Europa.
Tutte insieme queste pietre costituiscono un monumento diffuso e plurilingue, di luoghi concreti, di specificità e comunanza che il nostro Dipartimento intende riverberare per una profonda, naturale e strutturale consonanza.
In ciascuna di queste pietre si inciampa idealmente perché si è obbligati a prendere atto.
Ciascuna di queste pietre costruisce memoria e monito.
Ciascuna è misura, tanto dell’abominio perpetrato, quanto della mite e ferma intenzione di raccogliere l’esortazione di Primo Levi, che proprio da Torino ha chiesto a ognuno di noi di considerare “che questo è stato”.

Video Pietre

Referenti:

Ultimo aggiornamento: 27/01/2022 18:41
Non cliccare qui!