Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community
Oggetto:
Oggetto:

FILOLOGIA SLAVA

Oggetto:

SLAVIC PHILOLOGY

Oggetto:

Anno accademico 2020/2021

Codice dell'attività didattica
LIN0065
Docente
Prof. Vittorio Springfield Tomelleri (Titolare del corso)
Corso di studi
LINGUE E LETTERATURE MODERNE (Triennale)
Anno
1° anno 2° anno 3° anno
Periodo didattico
Secondo semestre
Tipologia
Caratterizzante
Crediti/Valenza
9
SSD dell'attività didattica
L-LIN/21 - slavistica
Modalità di erogazione
A distanza
Lingua di insegnamento
Italiano
Modalità di frequenza
Facoltativa
Tipologia d'esame
Orale
Prerequisiti
Sono auspicabili la conoscenza di una lingua slava e nozioni di linguistica
Propedeutico a
Filologia Slava magistrale
Oggetto:

Sommario del corso

Oggetto:

Obiettivi formativi

L'insegnamento di Filologia Slava rientra nell’ambito della formazione linguistica triennale: attraverso la riflessione sulla lingua quale fenomeno storico, sociale e culturale, l'analisi di testi scritti e orali, gli esercizi di traduzione, con il supporto di sussidi multimediali, la formazione linguistica triennale è finalizzata alla conoscenza di base delle nozioni di linguistica teorica e applicata, di filologia, di glottodidattica, di traduttologia e all'acquisizione, per le lingue straniere, di competenze e abilità di grado intermedio.

In particolare, l'insegnamento di Filologia Slava si propone di offrire una panoramica sulle principali caratteristiche della famiglia linguistica slava, in prospettiva sincronica e diacronica. Attraverso l’analisi linguistica e filologica, inoltre, il corso si articola nelle parti seguenti:

 

1) Linguistica slava

 

2) Storia della scrittura presso gli slavi

 

3) Lettura e analisi di testi in varie lingue slave

 

 

The Slavic philology course is part of the bachelor’s language training: through reflection on language as a historical, social and cultural phenomenon, the analysis and translation of written and oral texts, with the support of multimedia tools, the bachelor’s language training is aimed at the comprehensive development of theoretical and applied linguistics, philology, language teaching, translation studies and the acquisition, for foreign languages, of intermediate of communicative skills.

In particular, the Slavic philology course features an overview of the main characteristics of the Slavic languages, in both a synchronic and diachronic perspective. Furthermore, through linguistic and philological analysis, the course is divided into the following parts:

 

1) Slavic linguistics

 

2) Writing history among the Slavs

 

3) Reading and analysis of texts written in different Slavic languages

 

 

 

Da definire.

 


Scrivi testo qui...


Write text here...

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Al termine dell'insegnamento, lo Studente avrà acquisito le conoscenze teoriche di base di carattere linguistico, in prospettiva sia storica che diacronica, e i principali elementi metodologici dell'analisi filologico-linguistica dei testi.

 

 

At the end of the course, the student will acquire the basic theoretical knowledge, both from a historical and diachronic perspective, and the main methodological elements of the philological and linguistic analysis of texts.

Oggetto:

Modalità di insegnamento

 

Lezioni in video-conferenza

 

 

Video conference

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

 

L'esame, svolto oralmente sulle tutte e tre le parti dell'insegnamento (senza possibilità di loro suddivisione in più appelli), si articola come segue: una domanda su ognuna delle tre parti in cui si articola il corso.

Per il superamento dell'esame è richiesta una preparazione almeno sufficiente sulle tre parti del corso; la mancata preparazione di una delle parti del corso implica il rinvio ad altro appello.

Il conseguimento di una votazione eccellente è legato alla piena conoscenza delle nozioni richieste, a un'ottima capacità espositiva e a un'adeguata proprietà terminologica.

 

 

The oral exam on all three parts of the course (without the possibility of splitting into multiple exam sessions) is structured as follows: one question on each of the three parts of the course.

In order to pass the exam, at least sufficient preparation on the three parts of the course is required; failure in one part of the course implies a postponement to the next exam session.

The achievement of excellent marks is linked to the full knowledge of the required notions, excellent exposition and adequate terminology.

Oggetto:

Programma

 

Linguistica slava: Caratteristiche principali delle lingue slave all’interno della famiglia indoeuropea. Classificazione delle lingue slave. Protoslavo e fonetica storica (le palatalizzazioni slave e altri fenomeni rilevanti). Il sistema nominale e verbale. Slavo ecclesiastico antico e redazioni dello slavo ecclesiastico. La lega linguistica balcanica

 

Storia della scrittura presso gli slavi: l’alfabeto latino presso gli slavi occidentali, la missione cirillo-metodiana, glagolitico e cirillico, la riforma ortografica di Jan Hus, le riforme del cirillico. Language planning sovietico. Latinizzazione della scrittura russa.

 

Lettura e analisi di testi in lingue slave, con particolare attenzione a quelle insegnate nel Dipartimento: polacco, russo e serbo, croato, bosniaco.

 

 

Slavic linguistics: Main feaures of Slavic languages within the Indo-European family. Classification of Slavic languages. Protoslavic and historical phonetics (Slavic palatalizations and other relevant phenomena). The nominal and verbal system. Old Church Slavonic and Church Slavonic redactions. The Balkan “Sprachbund”.

 

Writing history among the Slavs: the Latin alphabet among the Western Slavs, the Cyril-Methodian mission, Glagolitic and Cyrillic, the spelling reform of Jan Hus, the Cyrillic reforms. Soviet language planning. Latinization of Russian writing.

 

Reading and analysis of texts in different Slavic languages, with particular attention to those taught in the Department: Polish, Russian and Serbian, Croatian, Bosnian.

Oggetto:

Testi consigliati e bibliografia

Il circolo linguistico di Praga. Le tesi del ’29, introduzione di E. Garroni, traduzione di S. Pautasso, Milano: Silva, 1966.

M. Maurizio e Vittorio S. Tomelleri (a cura di), Rivoluzione visiva attraverso visioni rivoluzionarie: alfabeti, cinema e letteratura in URSS, Torino: Dipartimento di Lingue e Letteratura straniere e Culture moderne, Università di Torino, 2018, pp. 15-36.

B. Comrie & G. G. Corbett, Introduction, in: B. Comrie & G. G. Corbett (eds.), The Slavonic languages, London & New York: Routledge, 1993, pp. 1-19.

A. M. Schenker, The Dawn of Slavic. An Introduction to Slavic Philology, New Haven and London: Yale University Press, 1995, pp. 61-102.

Vittorio S. Tomelleri, Constantin-Cyril and (Soviet) Language Planning. Scripta & e-Scripta. The Journal of Interdisciplinary Mediaeval Studies 20 (2020): 319-332.

Oggetto:

Note

Ulteriori materiali e riferimenti bibliografici verranno forniti durante il corso

Oggetto:
Ultimo aggiornamento: 01/02/2021 15:58
Location: https://www.lingue.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!