Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community

In memoria di Giovanni Ronco

Pubblicato: Giovedì 26 maggio 2022
Immagine

Giovanni Ronco
27.02.1953 – 25.05.2022

Il Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne piange la scomparsa del Collega Giovanni Ronco, Professore di Linguistica Italiana: una persona buona e gentile, uno studioso di valore assoluto.

Così lo ricorda il Prof. Luca Bellone:

Ho conosciuto Giovanni quando ero ancora uno studente. Siamo successivamente diventati collaboratori, poi colleghi. Non potrò mai dimenticare gli anni trascorsi insieme – quasi una decina – alla redazione del Repertorio Etimologico Piemontese: i suoi insegnamenti, cortesi e raffinati, non di rado spiritosi; le sue correzioni, sempre puntuali, spesso decisive; le sue intuizioni etimologiche, indice di una sensibilità linguistica rara.

«Quando sparisce una cosa, sparisce con lei, in genere, anche il suo nome, cioè la parola che la designa»: questo è grosso modo ciò mi disse durante uno dei nostri primi incontri, nel quale mi invitò a riflettere sull’opportunità, meglio sulla necessità, della dialettologia (e della lessicografia dialettale) all’alba del terzo millennio.

Sono certo che lo studio delle lingue locali fosse, per lui, un vero atto d’amore verso la nostra cultura, specialmente quella materiale e popolare: stando accanto a lui ho compreso con chiarezza che il dialetto è aderenza alle cose, e che il rapporto tra realtà e lingua, tra sostanza e forma, è profondo.

«Il contadino che parla il suo dialetto è padrone di tutta la sua realtà» scriveva Pier Paolo Pasolini in un saggio del 1951 sulla poesia dialettale: Giovanni mi ha insegnato in che modo questa osservazione – che appartiene alla sfera dell’emotività – sia giustificabile anche sul piano scientifico.

Ma forse ancora più della eccezionale competenza linguistica, dialettale ed etimologica, ricorderò per sempre la sua cordialità. Mi mancherà il carattere mite, contraddistinto da toni sempre gentili e pazienti. E il suo incedere calmo, lievemente proteso: quello del saggio che porta con sé tutto il peso di un'alta disciplina intellettuale.

Giovanni Ronco, Rep-Repertorio Etimologico Piemontese

Ultimo aggiornamento: 27/05/2022 10:43